Skip to content

Il male.

01/02/2011
tags: ,

Il concetto di “banalizzazione del male”, motivo importante nell’opera di Hannah Arendt, indica quel processo per cui la progressiva sospensione e annichilimento della facoltà di pensar e valutare con indipendenza accompagna l’esercizio della violenza o del male, che vengono prodotti quasi automaticamente, senza l’ausilio dell’intelligenza e della deliberazione, ma soprattutto smettono di essere riconosciuti come tali, divengono giustificabili in quanto razionalmente funzionali al perseguimento di fini di ordine superiore, dati e non discutibili.

F. Cecchinato, Idee per un’etica della vita organizzativa, Phronesis, n. 1

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: